Dall'immaginazione alla realtà (virtuale): Ford's 3D Modeling e Powerwall - Automobili - 2019

Anonim

Questo articolo fa parte della nostra serie continua, Detroit Goes Digital, che va dietro le quinte nei laboratori di progettazione di realtà virtuale avanzati di Ford.

I primi passi della creazione di un'auto assomigliano ancora ai tratti di matita meccanica che hai usato per deporre e disegnare auto immaginarie tra i margini delle tue note storiche nella scuola media. Tranne che ora il notebook è un monitor widescreen e la matita meccanica è un tablet Wacom.

Gli illustratori usano Autodesk TKTKTKT per deporre le prime linee pensose che alla fine si trasformeranno in linee di acciaio punzonato a freddo. Ma quel punto potrebbe letteralmente essere anni prima. Prima che arrivino, saranno ottimizzati, massaggiati e spintonati ancora e ancora sullo schermo. Le linee dello schizzo diventano linee fisse, che vengono riempite, ombreggiate e lavorate per produrre un rendering a colori. Da questa semplice vista laterale, gli ingegneri possono sovrapporre alcuni punti vitali - come la disposizione degli occupanti - per assicurarsi che la forma di base sia effettivamente fattibile.

Attraverso la magia del software CAD, questi schizzi vengono estrapolati in rendering tridimensionali completi. Cruciali come lo sono per gli ingegneri, che hanno bisogno di capire come calzare tutte le parti di trasmissione associate in una scocca di un corpo, questi modelli 3D hanno ancora un sacco di utilizzo per i progettisti che mettono a punto i dettagli della finitura della vettura.

Ad esempio, gli interior designer possono dare un'occhiata virtuale ai materiali interni e scambiabili - come diversi tipi di pelle o alluminio - in tempo reale, quindi giocare con il colore per produrre pacchetti di finiture. All'esterno, possono mescolare le vernici virtuali e "flop" sull'auto istantaneamente, con un'accuratezza che si estende fino alle particelle di metallo visibili che si spostano in diverse luci.

Dopo aver prodotto ciò che potrebbe passare per un modello di produzione finale, i designer avranno la possibilità di strappare le loro creazioni dai soliti sfondi monocromi del software CAD e sulla strada. Utilizzando una fotocamera Spheron specializzata, i progettisti possono catturare un'immagine a 360 gradi di un luogo reale, come uno showroom o un pezzo al neon della Strip di Las Vegas, completo di dati di illuminazione complessi, quindi aggiungere l'auto su un PC al laboratorio. I progettisti possono quindi eseguire una panoramica intorno a dettagli fotorealistici e osservare come il sole, i lampioni e persino il tempo atmosferico giocano sulle superfici riflettenti della vettura.

Nelle fasi finali, i rendering 3D per le nuove auto sono stati conditi con così tanto dettaglio, i produttori possono effettivamente produrre una grafica quasi indistinguibile dalla realtà. Quelle immagini incredibilmente lisce di una nuova auto che potresti vedere nella brochure pieghevole di una concessionaria? Realmente rendering di computer, che possono richiedere fino a 12 ore per generare, anche sulla fattoria di rendering 670 core di Ford.

Segui i link sottostanti per vedere i nostri altri articoli sulla nuova tecnologia Ford e scopri come l'età del design digitale sta cambiando in meglio il fusto di acciaio e gomma nel tuo vialetto.

  • Detroit diventa digitale: all'interno della produzione virtuale di Ford

  • Alla guida di Undriven: Ford CAVE Environment and Programmable Vehicle Model

  • Pixel in movimento: il simulatore VIRTTEX di Ford

  • The Real Thing: Ford's Dearborn Development Center