Le autorità federali presto richiederanno scatole nere nelle automobili degli Stati Uniti - Automobili - 2019

Anonim

Quelli di voi spaventati dal Grande Fratello avranno un po 'di più di essere paranoici quando salite in auto. In un mese, i funzionari federali (NHTSA) richiederanno che ogni automobile contenga una scatola nera; simile al dispositivo trasportato in aeroplani. La scatola nera automobilistica è un registratore di dati di eventi che monitorerà le tue abitudini di guida e fornirà un'istantanea del momento finale di impatto se l'auto si blocca.

Secondo l'Autolog di Wired, le auto con airbag potrebbero già disporre di dispositivi proprietari black box installati, ma a questo punto non esiste uno standard generalizzato per quanto riguarda l'uso dei dati spigolati. Ci sono 37 stati che non hanno statuti in merito alla divulgazione dei dati. In alcuni casi le informazioni sulla scatola nera sono ammissibili in tribunale e, poiché nessuna legge federale disciplina l'accesso ai dati, non ci possono essere limiti a ciò che le altre parti possono accedere.

Questo tipo di informazioni sarebbe utile alle forze dell'ordine, alle compagnie di assicurazione e ai fabbricanti nel determinare la colpa, sia dell'autista sia della fabbricazione. General Motors, una società che ha aperto la strada a gran parte della tecnologia del registratore di dati, afferma che utilizza i dati acquisiti per studiare la severità degli arresti anomali e capire in che modo il sistema era funzionante proprio prima dell'incidente. I dati li aiutano con richiami e problemi con dispositivi di sicurezza come la distribuzione degli airbag. Al contrario, i dati potrebbero essere utilizzati dalle compagnie di assicurazione per determinare come valutare le richieste.

La spinta è per uno standard su chi ottiene l'accesso e quanto. Secondo Tom Kowalick, chair presso l'istituto di Electrical Electronic Engineers, "Questa mancanza di standardizzazione ha impedito gli studi a livello nazionale sulla sicurezza degli incidenti stradali e stradali". Gli standard implementati eliminerebbero anche i problemi di privacy e impedire la manomissione dei dati.