Il Jaguar XJ Sound System del 2011: come Jaguar mise a punto l'audio per la casa - Automobili - 2019

Anonim

Matt Jones

Dodici centinaia di watt di amplificazione, 20 altoparlanti e 15 canali raccontano la storia del fragoroso sistema stereo in-car sulla nuova XJ 2011 della Jaguar in un guscio di noce. Ma progettare una tale impresa ha richiesto molto più dei grandi numeri. Ci siamo incontrati con lo specialista audio tecnico della Jaguar, Matt Jones, e il direttore del design Ian Callum, riguardo alla magia tecnica che è entrata in uno dei più sofisticati sistemi audio per auto che abbiamo mai visto.

Per una passeggiata completa intorno alla Jaguar XJ del 2011, inclusi molti altri scatti interni, consulta la nostra Jaguar XJ Photo Gallery !

Sappiamo che hai lavorato con Bowers & Wilkins per qualche tempo?

Posizionare gli altoparlanti in alto nella porta ha contribuito a migliorare la qualità del suono, ma ha anche posto importanti sfide di design per Callum e il suo team.

Matt: Ho lavorato con Bowers & Wilkins negli ultimi cinque anni. Abbiamo fatto il sistema XF, il sistema XK, che ha vinto premi. Erano davvero bravi, ma non erano proprio come ci si aspetterebbe da un sistema Bowers in casa.

Cosa hai cambiato questa volta?

Matt: Ci siamo seduti tre anni fa e abbiamo detto che vogliamo realizzare il miglior sistema audio per auto al mondo - uguale a quello che la gente si aspetterebbe nel 2010 nelle loro case, o in un cinema, da qualsiasi posto del genere. Abbiamo detto: "Non possiamo semplicemente copiare l'opposizione". Ci sono troppe macchine che hai appena progettato una macchina, quindi inserire alcuni altoparlanti. E questo non è stato fatto in questo modo. Ian e io in realtà abbiamo lavorato insieme a Bowers & Wilkins per assicurarci di avere effettivamente gli altoparlanti dove li vuoi. Se stavate costruendo una sala cinematografica a casa, non costruireste una stanza e vi metterete alcuni diffusori, fareste tutto insieme, ed è quello che abbiamo fatto qui.

Ian: io facevo tanti interni a Ford, e il nostro processo era questo: hai una zona, un pannello di porta, e sai dove sono le maniglie delle porte e tutto il resto, e le linee di stile che le circondano e le creiamo nuove forme. C'è molta richiesta in una porta, ci sono un sacco di cose sia in esterno che in interno. I ragazzi alla fine, i relatori, ottengono lo spazio che rimane e tende ad essere giù in quell'angolo in basso!

Matt: Semplicemente non funziona, non impacchetterei altoparlanti in una stanza lì.

Ian: Abbiamo detto questa volta, scopriamo dove devono essere veramente, e cerchiamo di aggirare gli altoparlanti. Ha funzionato bene.

Dovevi trovare spazio per 20 oratori diversi lì dentro, quanta di una sfida era quella dalla tua parte, Ian?

Ian: Le porte erano la più grande sfida. Non è solo il caso in cui li vogliamo, è l'entità fisica della porta dietro a ciò - il vetro cadere, la gabbia, le sbarre, quel tipo di cose. Quindi abbiamo dovuto fare un po 'di ingegneria per assicurarci di mettere gli altoparlanti in cima. Ma una volta arrivati ​​i diffusori della porta e gli altoparlanti secondari nelle finiture - l'angolo in alto - il resto è stato proprio quello di metterli dove dovevano essere. Non erano invadenti in alcun modo. Scaffali, cruscotto anteriore, è davvero così. Queste aree sono abbastanza libere, le hai appena messe dove devono essere - le porte sono sempre la sfida più grande.